Circoncisione con neurotomia glandulare

Cos’è

Consiste nel rimuovere chirurgicamente la pelle che ricopre il glande (prepuzio) e contemporaneamente nel sezionare alcuni fasci di fibre nervose per evitare l’ipersensibilità del glande.

Tecnica chirurgica

L’intervento avviene in day-hospital, praticando una semplice anestesia locale alla base del pene, mediante iniezione con ago sottile e totalmente indolore. Dopo pochi minuti, si procede alla rimozione mediante laser chirurgico a diodi della pelle che ricopre il glande, rendendolo di fatto scoperto.
Si procede poi a sezionare alcune fibre nervose che conducono la sensibilità a livello del solco del glande (neurotomia glandulare), per terminare con sutura in materiale riassorbibile.

Durata dell’intervento e post-operatorio

Già dal giorno successivo potranno essere riprese tutte le attività, ad eccezione di quella sportiva (dopo 7 giorni) e quella sessuale (dopo 30 giorni). I risultati saranno visibili dopo circa un mese mentre il processo di ispessimento del glande, con maggiore riduzione della sensibilità si completa in 3-4 mesi.

Quando intervenire

Con la circoncisione si scopre il glande, che in risposta agli stimoli esterni (come il contatto con l’aria o la biancheria) nel giro di alcuni mesi irreversibilmente ispessirà la sua mucosa, creando una barriera tra le terminazione nervose interne e l’ambiente esterno, riducendo la sensibilità. La neurotomia glandulare viene effettuata contestualmente alla circoncisione ed ha lo scopo di ridurre ulteriormente la sensibilità del glande.

Approfondisci

Non è il trattamento che stai cercando? Parti dalle tue esigenze.