Mastoplastica riduttiva


Cos’è

Un seno troppo grosso e pesante può provocare un senso di fastidio, pesantezza o dolore alle mammelle, alle spalle, al collo, ed alla parte alta della colonna vertebrale.
La riduzione mammaria è un intervento eseguito al fine di migliorare l’aspetto di un seno molto voluminoso, mediante la riduzione della sua massa e il suo rimodellamento.

 

Tecnica chirurgica

La mastoplastica riduttiva viene eseguita in anestesia generale con un breve ricovero in clinica.
L’intervento prevede la rimozione del tessuto mammario in eccesso, lo spostamento più in alto dell’areola e il rimodellamento del seno, che alla fine risulterà più piccolo e sollevato.

 

Durata dell’intervento e post-operatorio

La durata dell’intervento di mastoplastica riduttiva può variare fra le 2 e le 4 ore circa.
Come per la mastopessi, anche in questo caso si inseriscono due piccoli tubi di drenaggio (che normalmente vengono rimossi entro un paio di giorni) per prevenire la formazione di un ematoma.
Le cicatrici residue sono simili a quelli di una mastopessi: dopo l’intervento, resteranno due cicatrici a T invertita, posizionate attorno all’areola. Le cicatrici sono normalmente poco visibili, ma molto dipende dalla capacità di cicatrizzazione della paziente.
I punti di sutura vengono rimossi generalmente dopo dieci o quindici giorni; la paziente dovrà portare per un mese un reggiseno sportivo.
L’attività lavorativa potrà essere ripresa dopo otto giorni, quella sportiva dopo 6-8 settimane.

 

Quando intervenire

Oltre ai benefici estetici, le pazienti sottoposte a mastoplastica riduttiva possono beneficiare della riduzione o, talvolta, della scomparsa della sintomatologia dolorosa a livello cervicale, delle spalle o della colonna vertebrale.
Nei casi di seno molto voluminoso, è possibile che al termine dell’intervento si verifichino importanti riduzioni dei valori emoglobinici. Per far fronte ad eventuali necessità di trasfusioni, è possibile prevedere presso il centro trasfusionale di riferimento un predeposito di sangue, da effettuare solitamente un mese prima dell’intervento.
Oltre ai normali esami pre-operatori, dovranno essere eseguite anche un’ecografia mammaria e la mammografia.

Approfondisci

Non è il trattamento che stai cercando? Parti dalle tue esigenze.